30 giu 2011

SCUOLA DI TEATRO CONTEMPORANEO

ISTARION
TEATRO
centro di formazione e ricerca
sui linguaggi teatrali
contemporanei





Il centro di formazione Istarion Teatro propone diverse occasioni formative rivolte sia a allievi principianti che ad attori  e danz-attori professionisti in un ottica di formazione permanente.                                  




Particolare attenzione è volta ad offrire strumenti per esplorare e approfondire le tecniche di narrazione e recitazione contemporanea, del  teatro fisico e  delle arti performative.




 
L’Anno  2011-2012 è caratterizzato da una struttura  multidisciplinare aperta e flessibile per permettere ciascun allievo attore di costruirsi un piano di studio individualizzato in base alle proprie competenze e alla propria  ricerca poetica.






DISCIPLINE  A.A. 2011-12: 
(schede dettagliate per ciascuna disciplina nell'indice in Archivio o in Eventi)


-CONTACT DANCE E TEATRO FISICO
                                                                    docente: A.Albertarelli e M.Carpaneto


- FELDENKRAIS 
                                                    docente : Caterina  Mochi Sismondi

- LABORATORIO DI RECITAZIONE                             
                                                                    docente : Daniele Bergonzi

- LABORATORIO COREAOGRAFICO DI TEATRO FISICO E PERFORMING ART 
                                                    docente: Anna Albertarelli

- LABORATORIO AVANZATO DI RECITAZIONE
                                                    docente : Daniele Bergonzi

ISTARION TEATRO 
Direzione didattica  e organizzativa:
Valentina Tosi
Chiara Goldoni

laboratorio avanzato di recitazione

ISTARION
TEATRO
centro di formazione e ricerca
sui linguaggi teatrali
contemporanei
    





               








L'ATTORE IN SCENA
laboratorio avanzato di recitazione diretto da Daniele Bergonzi

Quando:  il Martedì dal 4 ottobre e maggio 2012, a settimane alternate  dalle ore 19                   alle 23 e dalle ore 21 alle ore 23
DoveTeatro Regiò in via Agosti - Reggio Emilia

Numero max partecipanti: 15

Eliminando gradatamente tutto ciò che si dimostrava superfluo, 
scoprimmo che il teatro può esistere senza cerone, 
senza costumi e scenografie decorative, senza un palcoscenico, 
senza effetti sonori e di luce. 
Non può invece esistere senza un rapporto diretto e palpabile,
una comunione di vita tra l'attore e lo spettatore. 
J Grotowski

Cosa rende l'azione di un attore o di un'attrice interessante? Quali sono i principi per i quali l'attenzione dello spettatore è indirizzata verso un attore rispetto ad un altro? La ricerca teatrale che nasce da Stanislawski, passa per B.Brecht e J.Grotowski e si radica nel fare teatro contemporaneo, ci indica un percorso durante il quale è possibile cercare precise risposte a queste domande. L'abbattimento della quarta parete, il rigoroso lavoro sul corpo, sulla respirazione e sul "dire" il testo, gli esercizi corali sull'ascolto reciproco, ci permettono di approfondire in maniera sistematica l'arte della recitazione. Di certo non esistono ricette e scorciatoie per migliorare la propria presenza scenica ma, per dirla con P. Brooke, "è necessario sposare un punto di vista e dedicarvisi con tutte le nostre forze, senza prendersi troppo sul serio: bisogna tenersi forte e lasciarsi andare con dolcezza".

Questo laboratorio si rivolge  a tutti quegli attori principianti e professionisti che sentono la necessità di avere un tutoraggio ed un confronto competente durante la costruzione del proprio lavoro e che vogliono potenziare la propria presenza scenica e tecnica attoriale in un'ottica di formazione permanente.
Durante il laboratorio "L'attore in scena" sarà possibile lavorare singolarmente su testi o scene scelti dagli allievi partecipanti (ad esempio per preparare un provino teatrale o cinematografico, o la scena di uno spettacolo), nell'ottica di offrire strumenti di livello professionale per affrontare la scena. Gli allievi,all'inizio del laboratorio dovranno  avere la memoria ben salda di un monologo (o dialogo) di almeno 5 minuti che vogliono approfondire.

Richieste d'ammissione
La partecipazione al laboratorio è riservata ad allievi già facenti parte della scuola Istarion Teatro, e previa selezione, ad allievi fortemente motivati che abbiano partecipato ad almeno un laboratorio diretto da Daniele Bergonzi*.
Ai candidati è richiesto di inviare una lettera motivazionale come da schema allegato.
* per coloro che fossero interessati a partecipare ma che non avessero  mai frequentato un laboratorio con Daniele Bergonzi è possibile iscriversi allo stage intensivo che si terrà il 24-25 settembre.

Programma del laboratorio
Il corpo dell'attore : gesto e azione fisica
Il metodo feldenkrais applicato al lavoro dell'attore: il training ( a cura di Caterina Mochi Sismondi)
Dire il testo : analisi del testo secondo le variabili di ritmo-tono-volume
L'interpretazione : l'attore e il suo personaggio
L'attore e il palcoscenico : composizione spaziale e movimento scenico
La performance dell'attore : studio e messa in scena di un monologo o dialogo

Modalità di partecipazione
Gli allievi dovranno indossare abiti comodi (tuta da ginnastica o simili) e arrivare martedì 4 ottobre con la memoria  ben salda di un monologo (o dialogo) di almeno 5 minuti. 

  
INFO: compagniaistarion@gmail.com -   cell.338 5202392 -  3357661937
                        Istarionteatro.blogspot.com – Facebook: compagnia Istarion

Daniele Bergonzi
Dal 1994 al 1999  e' membro della compagnia e scuola di teatro "Progetto Novecento" di Milano. Nel 1999 è regista degli spettacoli "Viola" e " Gemelli", al Piccolo Teatro di Milano. Nel 2001 si diploma alla Scuola Civica d'Arte Drammatica "Paolo Grassi" di Milano, con Gabriele Vacis, è attore protagonista nello spettacolo"Omaggio a Donatoni" , produz. "I teatri di Reggio Emilia". Nel 2002 fonda, la Compagnia Fantasma, di cui è drammaturgo e attore. Nel 2003 collabora con la Societas Raffaello Sanzio allo spettacolo " Tragedia Endogonidia Berlin # 3. Nel 2004 è regista e drammaturgo dello spettacolo "Apoptosis". Nel 2005  è autore e attore nello spettacolo "Defcon X", produzione Compagnia Fantasma.. Nel 2006 è ospite fisso della trasmissione di Radio 2 "Via Emilia Night", diretta da Marino Bartoletti e Giorgio Comaschi. Nel 2007 collabora alla trasmissione di Radio 2 "Ciao Ciao Sanremo", diretta da Marino Bartoletti. Nel 2008 è attore e regista di numerosi spettacoli della Compagnia Fantasma , tra i quali "Previsioni del Tempo di Wu Ming, la Strategia dell'Ariete di Kai Zen in collaborazione con il Premio Salgari, Il Corriere Racconta in collaborazione con il Corriere della Sera. Nel 2010 è autore del romanzo Defcon X, La Mongolfiera editriceDal 2000 è impegnato in un intensa attività laboratoriale tra Bologna,Roma, Pescara, Firenze e Massa Carrara.


ISTARION TEATRO 
Direzione didattica  e organizzativa:
Valentina Tosi
Chiara Goldoni

laboratorio di recitazione


ISTARION
TEATRO
centro di formazione e ricerca
sui linguaggi teatrali
contemporanei
    












NELLO SPAZIO DI UN RESPIRO
Laboratorio di recitazione condotto da Daniele Bergonzi


Quando:  da Giovedì 13 ottobre a Giovedì 22 dicembre dalle 20 alle 22
Dove: Teatro Re Giò via Agosti - Reggio Emilia
Numero max partecipanti: 20
Prima lezione gratuita di presentazione
: Giovedì 6 ottobre dalle 20 alle 22

"Osservate il vostro respiro e quanto accade internamente.
Osservate, inspirando, il mondo esterno
e, espirando, quello interno".
J.Grotowski

Teatro è prendersi cura di noi stessi, dei nostri compagni di scena, degli spettatori; è condividere il tempo dell'ascolto lontani dal frastuono di un mondo che non ha tempo di ascoltare; è liberarsi, anche solo per un attimo, dal giogo del pensiero che intrappola l'azione: il teatro è lo spazio di un respiro. E non importa se ci si avvicina alla recitazione per diventare attori, per mettersi alla prova o per aprire parte del nostro privato al pubblico, l'importante, quando si recita, è essere presenti a noi stessi, pronti ad accogliere gli stimoli che i nostri sensi e la nostra immaginazione ci offrono ogni secondo che passa, essere disposti a superare i nostri limiti.
Durante il laboratorio "Nello spazio di un respiro", mediante gli esercizi della ricerca teatrale contemporanea, cercheremo di capire come avvicinarci ad un livello di "presenza" in cui tutto questo è possibile.

Il laboratorio è aperto sia ad allievi attori principianti, sia a coloro i quali vogliano migliorare le proprie capacità comunicative di fronte al pubblico. I partecipanti dovranno indossare indumenti comodi (tuta e scarpe da ginnastica o simili).

Programma
Il corpo in scena: analisi e composizione consapevole del movimento.
Il respiro: organicità tra respirazione e movimento.
Cori : movimento e suono corali.
Il dire : analisi strutturale del testo secondo le variabili di ritmo-tono-volume
Il teatro contemporaneo: abbattimento della quarta parete e la relazione con gli spettatori.

Modalità d'iscrizione
Le iscrizioni si apriranno Giovedì 6 ottobre al termine della prima lezione gratuita. E' possibile pre-iscriversi inviando una mail non vincolante all'indirizzo compagniaistarion@gmail.com con i propri dati (nome, cognome, data di nascita, numero di telefono) e lettera motivazionale.
L'accettazione di iscrizione sarà comunicata ai singoli candidati via telefono o mail. L'iscrizione dovrà essere formalizzata  entro giovedì 17 ottobre versando la quota di partecipazione prima dell'inizio della lezione.
Il percorso è aperto a soli soci Istarion Teatro.

Costi e modalità di pagamento
Il percorso prevede 10 lezioni di 2 ore ciascuno (saltando la data del 8/12)
La quota di partecipazione di euro 170.00.
E’ previsto lo sconto del 13% sull’importo complessivo per gli studenti e per chi partecipa anche al percorso di Teatro Fisico (pari a 150.00 euro)
Quota tesseramento  Istarion Teatro 2011 : 10.oo euro - 5.oo euro studenti.
L’importo può essere versato in contanti al termine della prima lezione gratuita o con bonifico intestato a Associazione Culturale Istarion Teatro, presso Banca Popolare dell’Emilia IBAN: IT03R0538766511000001901595
Causale: quota partecipazione e tesseramento 2011


INFO: compagniaistarion@gmail.com -   cell.338 5202392 -  3357661937
                        Istarionteatro.blogspot.com – Facebook: compagnia Istarion

 
www.laboratori-teatrali.it 

Daniele Bergonzi
Dal 1994 al 1999  e' membro della compagnia e scuola di teatro "Progetto Novecento" di Milano. Nel 1999 è regista degli spettacoli "Viola" e " Gemelli", al Piccolo Teatro di Milano. Nel 2001 si diploma alla Scuola Civica d'Arte Drammatica "Paolo Grassi" di Milano, con Gabriele Vacis, è attore protagonista nello spettacolo"Omaggio a Donatoni" , produz. "I teatri di Reggio Emilia". Nel 2002 fonda, la Compagnia Fantasma, di cui è drammaturgo e attore. Nel 2003 collabora con la Societas Raffaello Sanzio allo spettacolo " Tragedia Endogonidia Berlin # 3. Nel 2004 è regista e drammaturgo dello spettacolo "Apoptosis". Nel 2005  è autore e attore nello spettacolo "Defcon X", produzione Compagnia Fantasma.. Nel 2006 è ospite fisso della trasmissione di Radio 2 "Via Emilia Night", diretta da Marino Bartoletti e Giorgio Comaschi. Nel 2007 collabora alla trasmissione di Radio 2 "Ciao Ciao Sanremo", diretta da Marino Bartoletti. Nel 2008 è attore e regista di numerosi spettacoli della Compagnia Fantasma , tra i quali "Previsioni del Tempo di Wu Ming, la Strategia dell'Ariete di Kai Zen in collaborazione con il Premio Salgari, Il Corriere Racconta in collaborazione con il Corriere della Sera. Nel 2010 è autore del romanzo Defcon X, La Mongolfiera editriceDal 2000 è impegnato in un intensa attività laboratoriale tra Bologna,Roma, Pescara, Firenze e Massa Carrara.



            ISTARION TEATRO 
Direzione didattica  e organizzativa:
Valentina Tosi
Chiara Goldoni


contact dance e teatro fisico

ISTARION
TEATRO
centro di formazione e ricerca
sui linguaggi teatrali
contemporanei






 









CONTACT DANCE E TEATRO FISICO
 Anna Albertarelli e Maria Carpaneto

 
Quando: Lunedì dalle 19.30 alle 21.30, dal 10 ottobre 2011 a maggio 2012.
DoveSpazio Factory in via Tiarini, 7 Reggio Emilia
Destinatari:  sia allievi principianti che attori e danzatori professionisti
Numero max partecipanti: 15
Prima lezione gratuita di presentazione: Lunedì 26 settembre ore 19.30-21.30


“Accordare il proprio strumento per interpretare al meglio
quello che viene chiesto da altri e da se stessi”
Hervè Diasnas

Questo percorso formativo integra lo studio della dance-contact improvisation e delle tecniche esplorative del teatro fisico con la pratica del movimento danzato (training sensibile per attori e danzatori elaborato da Hervè Diasnas).
Obiettivo del corso è  potenziare nell’allievo la consapevolezza corporea e percettiva, la capacità di ascolto, la qualità del movimento per poter sostenere lo sviluppo capacità improvvisative ed espressive. La dance - contact improvisation è una tecnica di danza accessibile a tutti in cui si sviluppa il piacere di muoversi in totale libertà con altri. Una pratica di espressività corporea  basata sull’ascolto reciproco del proprio muoversi che si sviluppa in un dialogo fisico in cui tutti i sensi sono coinvolti. Mantenere l’equilibrio, orientarsi nello spazio da soli e con gli altri, studiare le leve, le prese e gli spostamenti di peso, rotolare e cadere  muoversi con fluidità nel contatto fisico improvvisando con gli altri saranno gli argomenti che verranno esplorati.
La pratica del movimento danzato è un allenamento tecnico e sensibile praticato da danzatori, acrobati, performer, attori, amatori che desiderano ritrovare la propria mobilità naturale. “La Pratica del Movimento“ è una formazione indipendente da ogni stile coreografico e accessibile ad ogni livello tecnico.
Preparazione, suolo, spostamenti, il lavoro sviluppa il potenziale energetico e dispiega le capacità corporee. La Pratica è una forma di training tecnico e sensibile per la danza ed il teatro ideato e studiato dal danzatore e coreografo Hervé Diasnas  in ambiente acquatico.
A Conclusione del percorso ci sarà una dimostrazione aperta di lavoro contact dance.

 Docenti
Anna Albertarelli: Contact dance
Maria Carpaneto: Pratica del movimento danzato di Hervè Diasnas


Anna Albertarelli

Danzatrice, coreografa, regista, performer fisica, insegnante di danza contact-improvisation, e gestione del corpo performativo. Coordina da anni gruppi sperimentali e corsi di formazione per insegnanti, operatori e volontari che lavorano con disabili fisici e psichici, a mediazione corporea e mirati all’integrazione (Compagnia VI-KAP).
Conduce da anni una ricerca sul tocco-contatto, che ha prima esplorato a terra e successivamente in acqua. Integra nel suo percorso elementi tratti  dallo zen shiatsu, dal tantsu,  terapie praniche, watsu,  anatomia esperienziale, danza contact e meditazione. E’ pratictioner watsu diplomata a Watsu Italia con una formazione triennale riconosciuta a livello internazionale e istruttrice di Ai Chi acquatico riconosciuta dall’Acqua Dynamics Institute di Yokohama (Giappone).
Dopo una lunga esperienza anche in campo internazionale nel 2003 crea con Roberto Passuti il progetto Gohatto, al debutto a Teatri di Vita nel dicembre 2003 con lo spettacolo Progetto Gd'A nell'ambito della rassegna "Atti Puri Danza Impura"; nel 2005, nel 2006 Anna Albertarelli nell'ambito del Festival Loro del Reno-Bologna Teatri di Vita, riceve il premio come migliore interprete con la performance G.D.A


Maria Carpaneto
Maria Carpaneto è laureata in Lettere specializzata in Filologia della musica. Ha studiato danza negli Stati Uniti, in Francia ed a Milano, dove si è diplomata alla Scuola d'Arte Drammatica Paolo Grassi. Ha danzato per Ellen Stuart, Adriana Borriello, Paco Decina, Cecilia Gallizia, Hervé Diasnas, Denise Lampard. Ha partecipato alla Rassegna Milano Estate con la coreografia Il Lamento d'Arianna nel 1994. Presenta l'assolo "Marion" in diverse capitali europee ed importanti rassegne italiane. Ha collaborato in una creazione collettiva con Sylvie Courvoisier, Mark Feldmann, Walter Quintus nell'ambito del Roller Contest Internazionale di Losanna. Collabora come coreografa alle produzioni di ASLICO con l'"Isola di Merlino", "Il piccolo flauto magico", "Il flauto magico", "Don Chisciotte", "La Bohéme" per la regia di Francesco Micheli. Ha firmato la coreografia per il film "Venti" di Marco Pozzi, le coreografie per la "Pantomima di Mozart" prodotta dai Pomeriggi musicali. Cura le coreografie della sigla della sit-com "Don Luca" per Endemol Italia, per un Video-clip del cantante iracheno Kazem El Sahiir E’ coreografa ne “Il Trovatore” per il Teatro Regio di Parma nell’OperaVerdi Festival, crea "Raverie con Enrico Rava.Dal 2007 al 2009 fa parte della Cooperativa ESTIA e della Compagnia In-stabile Teatrodentro come formatrice ed interprete all’interno della II Casa di Reclusione Milano-Bollate e di Opera. Nel 2008 e 2009 è Coreografa ed interprete di “Psicopathia Sinpatica”, “Ballando di Nascosto”, “Maria di legno” (dalle fiabe di I. Calvino) e “Le Mille e una Notte”. Coreografa della trasmissione “Singing Office” prodotta da Polivideo per Skyvivo.  Nel 2010 “Aerial” selezionato a Solo in Azione vetrina di Giovani coreografi lombardi a cura di Perypezie Urbane, “Dunque io son” di e con Maria Carpaneto , “Letture dal Canale” da A: Pennacchi al Teatro G. D’Annunzio di Latina movimenti di Maria Carpaneto regia di C. Pernarella.
Inizia ad insegnare nel 1988 per i bambini della Nazionale di Pattinaggio Artistico del Palaghiaccio di Milano e di Arese; tiene corsi e seminari per professionisti al California di Milano, e per amatori di ogni livello ed età presso il Balzo, Nonsolodanza, Il Carro di Tespi, scuola di V. Venditti e Ulla Gass, C.I.M.D. Collabora con l'ex O.P. P.Pini di Milano e con Centri di Aggregazione Giovani di Milano e provincia. Coreografa della Regione Piemonte per la regionale di Ginnastica Ritmica.Insegna all’Accademia “Teatrando”, formatrice all’interno della Cooperativa Estia a Milano Bollate ed Opera dal 2006 al 2009. Prof. Al Liceo d’arte P Toschi di Parma.

 
INFO: compagniaistarion@gmail.com -   cell.338 5202392 -  3357661937
                        Istarionteatro.blogspot.com – Facebook: compagnia Istarion



ISTARION TEATRO 
Direzione didattica  e organizzativa:
Valentina Tosi
Chiara Goldoni

metodo Feldenkrais

ISTARION
TEATRO
centro di formazione e ricerca
sui linguaggi teatrali
contemporanei

 













METODO FELDENKRAIS
 Caterina Mochi Sismondi

Quando:   i Martedì dalle 19 alle 20, a cadenza quindicinale dal 4 ottobre a maggio 2012.
DoveTeatro Regiò, via Agosti Reggio Emilia
Destinatari:  a tutti gli interessati a migliorare e conoscere il proprio modo di muoversi
Numero max partecipanti: 15
Prima prima lezione gratuita di presentazione: 27 settembre 2011 ore 19 - 20

“Il nostro corpo è organizzato per muoversi efficacemente con il minimo sforzo”
Moshe FeldenKrais
 
Il Metodo Feldenkrais® è un Metodo per imparare a conoscere e a utilizzare pienamente le nostre risorse attraverso il movimento. Obiettivo del Metodo è migliorare la consapevolezza e la sensibilità, espandere il repertorio di movimento, ridurre il dispendio di energie migliorando l’efficacia delle nostre azioni. Il Metodo Feldenkrais, attraverso il movimento, stimola e riorganizza il sistema nervoso, portando non solo benessere fisico, ma anche un contributo positivo ai processi emotivi e di pensiero. Attraverso il Metodo Feldenkrais si diventa artefici del proprio benessere e consapevoli del percorso intrapreso, rendendo duraturi nel tempo i benefici ottenuti.

Il Metodo Feldenkrais®  si rivolge a persone di qualsiasi età e in qualsiasi condizione fisica: Non ha controindicazioni perché rispetta l’essere umano, adattandosi alle peculiari caratteristiche di ognuno di noi, ai nostri limiti e alle nostre potenzialità.
Attraverso sequenze di movimento basate sui principi di organizzazione dinamica del corpo nello spazio, si eseguono i movimenti lentamente, dolcemente, senza sforzarsi (più si forza, meno si sente, dice la legge di Webern- Fechner), ma quando le parti coinvolte nel movimento risultano più chiare viene inserita anche la velocità e la destrezza. Un movimento consapevole, regolare fluido, coordinato, reversibile implica anche l'esplorazione del proprio modo si sentire, percepire, pensare e immaginare

Per gli attori e i danzatori inoltre è uno straordinario strumento per imparare ad ascoltare se stessi, a percepirsi dall'interno e a migliorare la presenza e la qualità del proprio muoversi e stare in scena.
       
Obiettivi
  •  maggiore consapevolezza dei processi psicomotori
  • capacità di sperimentare nuovi modi di imparare
  • fiducia nelle proprie possibilità e libertà di scelta
  • possibilità di cambiare comportamenti abituali, scoprendo nuove possibilità di azione
  • affinamento delle capacità percettive
  • assetto posturale più efficace, flessibilità e coordinazione
  • senso di libertà e leggerezza nei movimenti di tutti i giorni
  • perfezionamento delle prestazioni artistiche e sportive
  • benessere psicofisico e riduzione del dolore
  • migliore organizzazione motoria in chi ha problemi ortopedici e neurologici
 
Caterina Mochi Sismondi

Diplomata alla Scuola d'Arte drammatica Paolo Grassi di Milano, danzatrice e coreografa, fonda a Torino la compagnia di teatrodanza blucinQue con cui lavora dal 2006 e con cui partecipa a vari Festival in Italia e all'estero.
Tiene laboratori di training fisico e vocale  con attori e danzatori, insegna danza classica e contemporanea.
E' insegnante del metodo Feldenkrais, formazione con Paul Rubin.




INFO: compagniaistarion@gmail.com -   cell.338 5202392 -  3357661937
                        Istarionteatro.blogspot.com – Facebook: compagnia Istarion


ISTARION TEATRO 
Direzione didattica  e organizzativa:
Valentina Tosi
Chiara Goldoni

12 giu 2011

stage intensivo di recitazione

ISTARION
TEATRO
centro di formazione e ricerca
sui linguaggi teatrali
contemporanei
    


INCONTRI
SULLA SCENA
Laboratorio intensivo di recitazione


23-24-25 settembre 2011
  
“L’attore mi interessa perché è un essere umano. 
Questo implica soprattutto una cosa:  il mio incontro con un’altra persona,
il contatto, un sentimento d’intesa reciproca 
e il turbamento creato dall’apertura verso un altro essere, 
dal nostro tentativo di comprensione:
in breve, il superamento della nostra solitudine" 
J.Grotowski. 
                
Il teatro è il luogo in cui è possibile occuparci onestamente di noi stessi e nello stesso tempo dei nostri compagni di scena e degli spettatori. E' il luogo della presenza, dell'ascolto ascolto reciproco, un luogo denso di significati, dove i ritmi cambiano in continuazione aprendo a volte spiragli sulle nostre verità più intime. Il teatro è un luogo in cui agire con i sensi e l'anima disponibili ad incontri inaspettati. 
Durante i tre giorni di laboratorio intensivo  "Incontri sulla scena",  utilizzando alcuni degli esercizi fondamentali della ricerca teatrale contemporanea, cercheremo di capire quali sono i principi che regolano lo spazio scenico in rapporto al corpo degli attori e attrici e alla loro voce. Cercheremo di capirlo facendo teatro, stando in scena in modo intensivo, per tutto il tempo a nostra disposizione. 
Il laboratorio è aperto sia ad allievi attori principianti, sia a coloro i quali vogliano migliorare le proprie capacità comunicative di fronte al pubblico.
I partecipanti dovranno indossare indumenti comodi (tuta e scarpe da ginnastica o simili) e portare un testo a memoria della durata di 3-5 minuti (tratto da un opera teatrale o di letteratura)
A seguito del laboratorio potrebbero essere selezionati alcuni allievi per partecipare ai laboratori avanzati della scuola di Istarion Teatro 

Programma
Il corpo dell'attore : esercizi di analisi del movimento
La presenza in scena : ritmo, volume e tono 
Il triangolo attore-spettatore-attore : verso un teatro contemporaneo
Il respiro comune : esercizi corali sul suono e il movimento
Dire il testo : analisi e interpretazione del testo recitato. 

DOVE: Spazio Factory, via Tiarini 7 REGGIO E.

QUANDO: 23-24-25 settembre 2011
                  ven 23 ore19.30-22.00 ; sab 24  dom 25ore 15.00-18.30

CONTRIBUTO: 100.oo euro
(più tessera associativa 2011 Istarion Teatro di 10,oo euro)

 Lo stage è a numero chiuso. Le iscrizioni si aprono il 30 giugno.

INFO E ISCRIZIONI: compagniaistarion@gmail.com
tel.  338-5202392 o  335-7661937

calendario spettacoli

SORELLE D'ITALIA, STORIE INVISIBILI DI PASSIONE E LIBERTA' 
DATE SPETTACOLO

luglio 2011 
GIO 7 ore 21.00 presso Sala Maramotti - Montecchio Emilia  RE
MER 20 ore 21.00 presso Chiesa Paderna - Vezzano sul Crostolo RE
  
 
               











giugno 2011  
MER 15 ore 21.00   presso Piazza Prampolini- RE  


maggio 2011 
SAB 21 ore 20.30 presso Sala Maramotti - Albinea RE
VEN 27 ore 21.00 presso Villa Annoni - Cuggiono MI


aprile 2011                                                       
SAB 30 ore 21.00  presso Centro Polivalente - Praticello di Gattatico RE









marzo 2011
VEN 4 Auditorium Pasolini - Monticelli Terme 
SAB 5 Teatro Giacometti - Gazzuolo MN
DOM 6 Limonaia di Villa Strozzi - Firenze
LUN 7 Sala Rodari- Campagnola Emilia RE
MAR 8 Centro giovanile Arena del Sole- S. Giuliano Milanese MI
GIO 10 Sala Consiliare - Cusano Milanino MI
VEN 11 Teatro Silvio Pellico - Trecate NO
DOM 13 Sala conferenze comunali - Alba Adriatica
MER 15 Biblioteca comunale - Crespellano BO
GIO 16 Teatro Sociale - Finale Emilia
VEN 18 Aula Magna UniversitàMO-RE - RE
DOM 20 Biblioteca comunale- Albinea RE
SAB 26 Biblioteca comunale - Legnaro PD
MER 30 Teatro Boiardo - Scandiano RE


10 giu 2011

SPETTACOLO SORELLE D'ITALIA

Sorelle d'Italia...
storie invisibili di passione e libertà
 
 “…Piccola Italia
non avevi corone turrite
né matronali gramaglie
eri una ragazza scalza 
coi capelli sul viso e
                   piangevi e sparavi …”







La ricorrenza del 150 anniversario dell'Unità d'Italia si presenta come un'occasione preziosa per colmare un vuoto storico e far conoscere il contributo delle donne al risorgimento Italiano.
Lo spettacolo ”Sorelle d'Italia” ripercorre attraverso la narrazione, il teatro fisico ed il canto popolare  le biografie delle eroine che con passione e coraggio han combattuto per la libertà.

La Compagnia Istarion, in collaborazione con la sezione femminile del Coro Mundura, accompagneranno il pubblico dentro le avvincenti e incredibili avventure di queste donne che s'imbarcarono travestite nella spedizione dei Mille, che allattavano i figli al seno mentre preparavano le munizioni, che si radunano segretamente di notte nei giardini per progettare le loro azioni sovversive.

Lo spettacolo si presta a esser rappresentato anche in spazi extrateatrali ed è adattabile a diverse esigenze; musica dal vivo.

Narrazione e azioni fisiche: Valentina Tosi, Chiara Goldoni, Rita Mosca
Viola, canto e direzione coro: Paola Garavaldi
Tamburo e voce: Stefania Monti
Testo: Valentina Tosi, Chiara Goldoni, Rita Mosca
Supervisione drammaturgica e registica: Daniele Bergonzi
Scrittura e armonizzazioni per coro femminile: Gabriele Capovani

Durata: 70 minuti



9 giu 2011

SPETTACOLO CHIPKO

Chipko: l'abbraccio della foresta





“…Era un canto per la verità,
una battaglia per i diritti delle donne,
 una lotta per proteggere la vita…” 
                                   

 Lo spettacolo racconta attraverso la narrazione, la danza e il canto l’origine e l’evoluzione del movimento di protezione delle foreste “Chipko”(ecologista-femminile), sviluppatosi in India negli anni ‘70 grazie all’azione di donne coraggiose.
“Chipko” significa “ abbracciare”, ed è proprio questo gesto potente ed  antico come i boschi, che le donne del Chipko hanno scelto come  strumento di lotta ecologica e nonviolenta contro ogni logica di sfruttamento della natura.

La gestazione del movimento avviene negli anni quaranta nel ventre della nonviolenza, viene cullata dalla sapienza di mani contadine e cresce, trasportato di paese in paese, dal canto delle donne. E’ un canto di terra, un canto di preghiera per la liberazione della madre terra che sgorga dall’intimo sentirsi unite ad essa.
Ed è cantando con le braccia tese a cingere i tronchi della vita che queste donne ritrovano la loro Voce, riemergono dall’emarginazione e riaffermano il loro potere di generare, nutrire e proteggere la vita. 
“Chipko”, un’abbraccio di speranza che è anche un  monito verso chi tenta di spezzare la sacra unità tra umanità e natura, ricordandoci che l’uomo che distrugge l’ambiente distrugge se stesso perché siam tutti parte dello stesso…albero della vita.


Ispirato alla storia del movimento del Chipko e al pensiero di Vandana Shiva.
  
Narrazione e azioni fisiche: Valentina Tosi, Chiara Goldoni,
Canto e strumenti: Paola Garavaldi
Testo: Valentina Tosi, Chiara Goldoni

Durata: 50 minuti